Alcuni sono elevati dal loro lignaggio
i versi dei miei poemi sono il mio lignaggio
Nusayb ibn Rabah (m.726)

La vita è come noi
La troviamo - e così la morte
una poesia d'addio?
Perché insistere
Daie-Soko (1809-1163)

Il rimorso non è la prova del crimine, indica solamente un'anima facile da soggiogare.
Donatien-Françoise-Alphonse De Sade

Se le creature sono i grandi veli che ci separano dal Creatore, la via per Allah passa attraverso di esse
Sheik Mhuammad at-Tàdilì




domenica 15 ottobre 2017

Mura


"Χωρίς περίσκεψιν, χωρίς λύπην, χωρίς αιδώ μεγάλα κ' υψηλά τριγύρω μου έκτισαν τείχη.

Senza preavviso, né pieta, senza nessun pudore
muri massici e alti mi hanno costruito intorno"
[K.Kavafis - Mura]


Hai lo sguardo triste
triste
di migliaia di anni
mentre le case sfumano
i palazzi
nella condensa

Vorrei gridare
sul serio gridare
urlare di rabbia e spezzare
il muro spinato che mi circonda
vorrei tremare per smuovere
il vuoto immobile di questa vita
Ma come fare, come?
Il mio sguardo è troppo,
                           troppo triste.


[Henri de Tolouse Lautrec - Postumi di una sbornia]



$UICIDEBOY$ - Antarctica 

lunedì 18 settembre 2017

Socrate e le briciole di pane

"Perciò, chi è serio, si guarda bene dallo scrivere di cose serie, per non esporle all'odio e all'ignoranza degli uomini. Da tutto questo si deve concludere, in una parola, che, quando si legge lo scritto di qualcuno, siano leggi di legislatore o scritti d'altro genere, se l'autore è davvero un uomo, le cose scritte non erano per lui le cose più serie, perché queste egli le serba riposte nella parte più bella che ha"
[Platone - Lettera VII]

"La vita è una merda
è un film di Raoul Bova" 
[Salmo] 
 
Ti dicono di lottare, continuamente, incessantemente.
Fin da quando sei piccolo, sei bombardato da queste immagini eroiche e stroboscopiche di gente che lotta senza tregua e vince schiacciando la testa del crudele nemico e nutrendosi simbolicamente delle sue viscere, assumendo nuova forza, ripetendo in nuove salse rituali che l'uomo si porta dietro fin da quando ha iniziato a percepirsi come essere senziente.

Lottare, lottare.  Lotta, sempre: stringi i denti, affila le unghie, altrimenti sei preduto.

Retorica di bassa lega, che  nasconde dietro l'apparente ottimismo un desiderio feroce e cannibale, alimentando l'illusione post-moderna di essere finalmente esseri realizzati, completi, quando invece siamo monchi e deformi.

Forse per questo la disabilità è un tema così poco trattato oggi, per questo se ne parla solo in chiave progressiva, positiva, in un'accezione inquietantemente semplficatoria dove il disabile può essere soltanto paladino e o sconfitto, eccezionale fenomeno da baraccone o vittima.  Mai individuo, mai Seità.

Siamo terrorizzati dall'handicap, e questo perché noi stessi avanziamo a fatica, portandoci avanti su stampelle emotive e psichiche alquanto precarie, isolandoci sempre di più perché siamo sempre meno capaci di sopportare il contatto con la complessità dell'altro ed illudendoci che in questa sorta di eterna battaglia contro non si sa quale male potremo finalmente elevarci al di sopra della nostra condizione precaria, splendendo fulgidi e virili al di sopra di un mondo che finalmente abbiamo dominato.

Uno scenario epico, perfetta cornice di un'epica serie di stronzate.

 "Com'è abituale nell'evoluzione concreta delle cose, colui che ha trionfato e conquistato il godimento diviene completamente idiota, incapace d'altro che godere, mentre colui che ne è stato privato conserva la sua umanità."
[J.Lacan - Seminario III: Le Psicosi] 
Per questo è morto Socrate?  Davvero?
Per lasciare in eredità il suo pensiero ad un esercito di larve incapaci anche soltanto di capire cosa significa cercare di Essere?

Lotta, lotta, lotta.  Come i supereroi, come i grandi del passato. Lotta, come i lombrichi che si contorcono nel fango.

Lotta, non importa se poi attorno a te non vi è alcun mezzo per farlo.
Perché è questo il problema.
Ci dicono di lottare, di farci le nostre ragioni, di informarci, di prendere coscienza, di evolverci, ma non ci lasciano i mezzi.

E giù di filosofie spicciole all'acqua di rose, robetta new-age di non ben chiara origine, frasi fatte d'auto-aiuto, poteri della mente, alieni, speranze epifaniche e apocalittiche, dove l'esperienza del vuoto e dell'Altro e assolutamente negata, perché si nega il dolore. Il dolore in se stesso intendo, senza scopo preciso, il dolore lacerante ed eterno di Edipo che spinge a strapparsi gli occhi.

Non esiste oggi, il sentore di quel dolore. Il dolore dell'uomo moderno è divenuto un mezzo, è stato declassato a pungolo per un fantomatico risveglio della coscienza, ed ha perso il suo valore di esperienza fondante e totalizzante. Il dolore che è l'essenza della Lotta vera e propria, quella del Uomo non contro, ma verso se stesso,  ora è un parassita fastidioso di cui liberarsi, e l'Uomo realizzato è l'uomo di plastica con un sorriso da cretino sempre stampato sul volto. L'uomo onesto, il nuovo borghese che ha fatto i lavori più umili e si è innalzato sopra le folle, quello che ce l'ha fatta proprio perché è onesto, perché è puro, modellato dalla strada.

L'uomo che non ha mai commesso errori e che rassicura, perché ambasciatore di un mondo semplice, un modo senza tragedia, dove hai quello che vuoi e puoi tenere le redini di tutto, e dove hai le redini perché stai domando un cavallo docile e privo di qualsivoglia desiderio di libertà.

"Io ho fatto come te eppure...non ho mai avuto bisogno...piuttosto che fare quello io..."

Non pensieri, ma spazzatura.

In pratica: ci dicono di Lottare, ma di farlo con gioia. Perché si sa che quando sei nel mezzo di una battaglia, circondato da sangue e viscere, con le mani affondate dentro il petto pulsante del tuo nemico, la prima cosa che ti viene da pensare è che la vita è meravigliosa.

Io lotto, continuamente, lotto come un fottuto cane rabbioso per non soccombere all'angoscia ed al tremendo intorpidimento che mi attanaglia,  e tutto ciò che ne ricavo è un profondo senso di solitudine.

Potrei realizzarmi nello studio, ma l'Università, con i suoi tempi, la sua burocratizzazione selvaggia, il suo ottuso concentrarsi unicamente sulla preparazione teorica a discapito dell'esperienza concreta, non me lo permette.

Potrei integrare con il lavoro, magari in qualche associazione umanitaria, o come assistente sociale, ma non è possibile. Vuoi fare esperienza? Cazzi tuoi bello! Perché noi cerchiamo solo gente cerificata,laureata! Normative europee, amico, non possiamo farci niente. Cosa importa se tu hai bisogno e voglia di fare qualcosa di concreto, di iniziare a capire VERAMENTE cosa significa agire in contatto con realtà problematiche, cosa importa se devi pesare sui tuoi genitori e passare le giornale, le estati, chiuso in casa a studiare. Ognuno pensa al suo, no?

CAZZOCENEFREGAANNOI se tu vuoi entrare finalmente nel mondo, anche se, sia chiaro, questo non ci risparmierà dal criticarti quando ti dimostri inadeguato alle sue richieste.

E se vuoi costruire la tua indipendenza, devi ridurti a fare qualunque lavoro, trovandoti impossibilitato a studiare come vorresti e assolutamente logorato da un impiego che non ti piace, mentre persone più stupide ed incompetenti di te si realizzano perché boh...va così. O perché non si fanno troppi problemi.

Questo non è lottare, è immolarsi per una causa non tua, è accontentarsi delle briciole.
Ecco, questa è la mia impressione: ci scanniamo per le briciole, tutti, e quando fortuitamente riusciamo a sgozzare chi ci è accanto e ce ne accapariamo un po' di più, ci lasciamo convincere di aver compiuto una grande opera.

Ma non è vero, abbiamo raccolto delle briciole. Una cosa che anche i ratti di fogna sanno fare.

Peter Paul Rubens - Crono divora i figli ( dettaglio), 1636


Nick Cave and The Bad Seeds - From her to Eternity








lunedì 20 marzo 2017

Visita Interiora Terrae

"Siamo poveri davvero se non siamo altro che sani di mente"
[Donald Winnicott ]
E' una vita che non scrivo, che non scrivo sul serio.
Certo, ogni tanto tiro fuori qualche poesia, vabbé, ma prendermi la possibilità e lo spazio per entrare in me stesso, per osservare i miei spazi interni...
Da quanto non lo faccio? Due anni? Tre? Quattro?Cinque? Una vita intera?

C'è un'aridità abbacinante in me, come un blocco, qualcosa che mi è stato succhiato via come il midollo dall'osso e che mi impedisce di essere forte, presente a me stesso, capace. Qualcosa che negli ultimi anni ho affrontato e sublimato con estremo dolore e fatica ( ponos?), e che ormai potrei persino descrivere con dovizia di dettagli, se me la sentissi

Il fatto è che non voglio. Voglio ancora scavare, grattare finché non sentirò il nucleo delle mie debolezze pulsare vivo e caldo, finché non potrò osservarlo come osservo ora lo schermo di questo computer e accettarlo per quello che è...

Visita Interiora Terrae...

Un giorno, forse, potrò respirare e sentirmi completo e felice. Davvero. So che sarà così.

Caravaggio - Decollazione di San Giovanni Battista, 1608



Io
sono solo
Come un pezzo di legno putrefatto
abbandonato sulle soglie del camino
             Niente, Niente
Insostenuto, sottile e flebile
santissimamente sacrificio del mondo
privato a forza delle proprie viscere
delle sue profondità
Io sono solo
         come una linea tracciata a matita
                         sul tavolo
come macchie di dita impresse sul vetro
Solo, niente
                    Solo
La mia mente è silenziosa, stanza vuota dell'anima
la mia bocca parla abbandonata
schiava della lingua e dei muscoli facciali
Ed io sono solo, così solo
solo, solo, solo
monco, tranciato, macellato
                    cieco, abusato.
vivo, trasceso, ucciso
 scoperto, 
       indifeso
Solo, niente. Come una tenda stracciata.
                Solo.
                    Moncherino patetico d'essere
Solo. Incapace, stupido, inerme...
        Disarmato, tremante, impaurito
                          Solo
                                   Solo
                                           Solo...
Un abbraccio impedito
una mano tesa scorticata sul palmo
un guscio sgranocchiato fino al pulviscolo
un turbine senza salvezza, uno schizzo di spuma sulla terra secca
una guerra senza grida, un marchio senza pelle
Solo. Solo.
Come un idioma sepolto, una civiltà negletta 
                                                          
Solo
come le nenie dei primi uomini                                                 

Solo....
        Solo....
                  Solo.

Donizetti -  Verranno a te sull'aure 
( Lucia di Lammermoor; Maria Callas e Giuseppe Di Stefano)


mercoledì 15 marzo 2017

Accusa.

"Sono solitario come l'ultimo occhio
di un uomo in cammino verso la terra dei ciechi"
[ Vladimir Majakovskij - Qualche parola su me stesso]

"Io, non ero ancora mio [...]
Irresoluto adolescente
da poco diplomato
tardivo in tutto
educato a non apprendere niente
farai da te
quello che la scuola non ha potuto.
Sarà questa la tua fede"
[Tino Villanueva - Convocazione di parole]

Questa poesia non è rivolta a tutti, ma è certamente rivolta a molti. A moltissimi.

Se l'Uomo è nutrito dal suo pensiero
 e se il poeta è l'infanzia dell'Uomo 
che senso abbiamo
che senso abbiamo noi
in un mondo che rifiuta ormai 
                     di guardarsi indietro?
Che rifiuta la cura, che rifiuta
di abbassare lo sguardo per capire il suono
dei suoi passi?
Bambini, vecchi, adolescenti
vedo sciarade di gente adultizzata 
calcare strade e marciapiedi come file di neonati
battere i piedi nervosa
       se non ritiene i suoi capricci soddisfatti
vedo un'intera generazione ingrassare
sulle spalle della mia
sulla sua schiena adagiata mollemente
mentre ne succhia via il midollo
Sì, noi tutti siamo soli, abbandonati al minuscolo ramo
che ci avete lasciato
Noi...
Voi!
Grassi, stolti, ignoranti!
vi siete presi ogni cosa, banchettando con le nostre speranze
riempiedovi  a sbafo le interiora e versando
la vostra merda fumante su di un piatto
per poi posarcela sul tavolo  e chiedere, ghignanti
" Beh, Allora?
non è abbastanza?"
Vecchi viziati come bambini, bambini frustrati
come vecchi
adulti lagnosi dell'eterna culla, incatenati all'eterna mammella del benessere
Incapaci da analisi, di vero giudizio
di scrivere e leggere e capire
ma sempre  pronti ad educarci a ciò che è giusto e corretto
ad insegnarci il celeste confine 
fra ciò che è male e ciò che sacro ed intoccabile.
Idioti!
          Idioti!
Voglio che sappiate, e chiaramente,
 che è solamente colpa vostra.
Avete ucciso l'infanzia sventrandola
e rifugiandovi in essa come scabbie fameliche
avete ucciso la Poesia, la speranza
ed io per questo sono qui, anche io ucciso, 
svuotato
che mi rimprovero e bestemmio e piango lacrime
che non sanno di nulla
che non sono né tristi né felici
che non sono lacrime!

E solo e soltanto per colpa vostra...
Solo e unicamente
                        per colpa vostra.

Viktor Michajilovic Vasnetsov - Cavaliere all'incorcio, 1878


Tamikrest - Arante N'Adagh


lunedì 6 marzo 2017

Allo specchio

"


"Che il verso sia come una chiave
che apre mille porte"
[Vicente Huidboro]


Così forte così 
            sensibile
Cuore, cuore, cuore
Un cuore triste di lucida bile

Queste mie occhiaie profonde.


Oscar Kokoschka - Die Auswanderer,1917



Oh Hiroshima - Mirage




martedì 21 febbraio 2017

Doveri.

"Ho odiato ciò che era facile
ho cercato me stessa nella luce,
nel mare, nel vento"
[Sophia de Mello Breyner Andressen - La donna e il mare]

Dopo mesi di inattività, finalmente.
Una poesia. 

Questo è il tempo degli onesti 

e dei doveri
il tempo dei grandi, luminosi mediocri
dei fitti sguardi animali e chirurgici
Doveri, le lance di pietra dei nuovi cannibali
neri avvoltoi dalle zanne putrescenti
Doveri,emissari di oppressione, veicoli
delle anime monche ed incomplete
vestigiali abbozzi di una sincera bontà
e di una specie che ha perduto l' innocenza
Doveri, che l'uomo sano distribuisce
come coltelli nel fianco degli uomini liberi
e che i profeti fasulli proclamano
per attirare i vanesi e gli stolti


[Henri de Tolouse-Lautrec - Il lucidatore di marmo, 1882]


Crywolf -Anachronism



giovedì 28 luglio 2016

Volto


"Ora
pure il marmo della mia voce è infranto
Ora
Che è scesa la sera e la statua della notte bussa alla mia finestra

Dei vetri infranti"
[F.Reshpja - Ritorno alla città natìa]

Volto mio giovane dagli occhi
          taglienti
Perché ti ostini a voler spezzare
l'orizzonte?
Perché ti avvolgi dei confini
che senza sosta t'incatenano al mondo?
Non ti è concesso questo arduo privilegio
poter toccare le ciglia degli esuli
col solo canto di un incedere essiccato
Tu sei battaglia  di note gravi
Come una tigre, una libellula striata
                      di sole
Come una fiamma di sabbia che s'invola
dal deserto
Ostinato e nervoso
come un oceano d'acque vergini
Arrenditi, volto mio
Vedo il tuo marchio di occhiaie docili
Ecco, proprio così tu ti riveli:
Troppo leggero, troppo disteso
per trascinarti appresso un solco.

[Giovanni Segantini - Ritratto della Signora Torelli, 1885]



Fatoumata Diawara - Wilile




sabato 11 giugno 2016

La sofferenza nel cuore degli altri

"No: sono sola. Sola mi rannicchio
sopra il mio magro corpo. Non m'accorgo
che, invece di una fronte indolenzita
io sto baciando come una demente
la pelle tesa delle mie ginocchia"
[Antonia Pozzi - Solitudine ]

"Noi siamo soli, soli di paura,
nell'altro è l'unico appoggio
ogni parola sarà come un bosco
su questo nostro cammino "
[R.M. Rilke - Noi siamo soli]


La sofferenza nel cuore degli altri
è come un sole rovente e colmo d'ombra
la cui violenza avvampa fino agli occhi
e li raggiunge con un gemito di muta
                                cecità
E la mia mente è confusa
il mio sguardo rotto
le mie radici sfilacciate dall'abisso
della presenza che freme nello sguardo
Di fronte a un cuore spezzato
non sono più questa persona
                  questo ragazzo
questa occasione
non sono più la fredda casa delle mie parole
sicché ogni cosa irrigidisce in me
nell'apparente aridità del seme
prima di spingere alla vita i germogli



[Rembrandt  van Rijn - Cristo a Emmaus, 1625] 


Dimatis - Dreams of Colors


mercoledì 13 aprile 2016

Penteo muore due volte

"Il patriottismo è l'ultimo rifugio delle canaglie"
[Samuel Jhonoson]

Fra generazioni "identitarie", atei che ineggiano ai valori cristiani, mitologici scontri di civiltà e orde di trafelati internauti occupati nell'eroica impresa di difendere i grandi valori dell'occidente così come i bambini difendono la loro fede in Babbo Natale quando beccano la mamma a divorare latte e biscotti di fronte al camminetto, mi rimane poco da dire. Anche perché sembrate sapere tutto voi ed io francamente c'hopppppaura a parlare sul serio che maninam qualche sobrio e civilizzato figlio dello stivale mi viene a bruciar casa.

Quindi boh, una cosina veloce veloce, semplice e  laconica cosicché l'eventuale paladino della giustizia - se già non è esploso di rabbia per i post precedenti - che passasse di qui potrebbe rispondere soltanto mandandomi a fanculo, permettendomi di rincalzare a tono e magari iniziare una bella gara di turpiloquio che quella sì, sì che è roba interessante.


Nobile l’uomo che difende
La sua patria
Ma  bendetto, mille volte benedetto sia
Colui che la estingue



Morte di Penteo - Casa dei Vettii, Pompei (62-68 d.c.)


                                                       E vaffanculo pure tu!!!!!!

Fabrizio De André - Il suonatore Jones 

martedì 23 febbraio 2016

Fossi nato bestia

"La libertà non è un beneficio della cultura: era più grande prima di qualsiasi cultura
e ha subito restrizioni con l'evolversi della civiltà!
[Sigmund Freud ]

"Le Foreste a precedere la civiltà, i Deserti a seguire"
[Francois-René de Chateubriand] 


Visto che siamo in tema, di questi giorni, introduco le mie schifezze con uno dei tanti sfoghi inconcludenti che impestano questo blog.

Liberiamoci di tutta questa merda.Ok?
Liberiamoci della famiglia, dei valori, di Dio, di Satana, dei diritti "civili", della dignità e del rispetto, della patria, della politica, del comunismo, del fascismo, del mercato,dell'educazione, dell'orgoglio, dei meriti, dell'ossessione per la personalità  e dell'illusione d'identità.
Smettiamola di frignare e diventiamo persone adulte una buona volta...

Madonna.
Mi sembrate tutti  una massa di neonati smorfiosi e informi.
La società è in decadenza? BENE! La gente smette di fare figli? BENE! GRAZIE ! Meglio. Bambini di merda.
L'ordine è minacciato? OSANNA NELL'ALTO DEI CIELI !!!!!
Gli uomini diventano donne e viceversa e possono sposarsi tra loro adottando pargoli? OTTIMO! Cazzi loro se vogliono vivere la vita meschina a cui gli etero sono condannati. Cazzi loro se vogliono anche loro far parte di quell'abominio storico che è l'istituzione del matrimonio e partecipare a quella specie di patetica sciarada che le società occidentali chiamano vita famigliare.

Siamo circondati da corruzione, se tutto questo crolla, può solo essere un bene. Anzi, è praticamente la mia sola vera speranza.
Crescete, coglioni in camicia, e smettete di vivere nel mondo delle favole.

Tutti così impettiti, tutti così tremendamente convinti non solo di essere nel giusto, ma addirittura di essere scomodi, di star sguainando la spada contro chissà quale orda satanica di terribili demoni. In fondo siete davvero dei bambini, giocate ancora a fare i cavalieri dalla lucente armatura, senza accorgervi minimamente della merda  che vi riempie il pannolone
E leggete Blondet! E siete d'accordo con lui!
Uno che era contro il divorzio, all'epoca.
DDDDDDDIO che schifo mi fate.
Il divorzio, dio cane. Non ci sono scuse per giustificare una simile posizione, capito? Non c'è sociologia che regga, non è come quando Pasolini si pronunciò contro l'aborto.
E' semplicemente una posizione stupida.

E sia chiaro, non lo dico in quanto persona "libertaria", perché con quella che tutti quanti chiamano libertà io  mi ci pulisco il culo con tutti i rincoglioniti come me. Lo dico in quanto figlio della Terra, e di una Divinità dignitosa, e di un Cielo tanto grande da ricordarmi la mia insignificanza ogni volta che lo osservo.

E vabbé...
Forse dovrei smetterla di espormi così tanto, ma in fondo me ne frega qualcosa? No. 
E allora MOOSSEECA!


Nemesi:

Non capisco
Si vive per questo?
Per cosa si vive?
Per questo?
Leccare culi di boriosi dementi  
sottomettersi
lasciarsi fottere l'ano come troie
 ifiutare
la nostra vera animale libertà 
la nostra certa natura divina
Così,
aprire l'ano e farsi sbattere
finché la merda non ci schizza sulle gambe
e dal sedere d'emorroidi non emergono
colonie putride di larve biancastre
Vivere, così
vivere
senza un conato di vomito, senza alcuna bestemmia
o dolce droga psichedelica dal suono di antichi tamburi
senza alcun moto di roca rabbia
a camminare su viali che non parlano di te
su scale mute e marmoree che non ti rispondono
privi e vuoti di ogni sana forma di overdose 
ed idee sbagliate
 Eppure sono ancora qui
in un'immobile cieca fissità d'ombra
Dimentico.
Come un vecchio muro che si sgretola.

Amo:

Amo la poesia
Non amo le belle copertine, però
Non amo la gente che mi fissa
mentre scrivo

William Adolphe Bougereau - La giovinezza di Bacco,1884

Mi frega il cazzo:

Mi frega il cazzo!
Siete soltanto lombrichi inutili
lombrichi fetidi simbionti
d'esseri umani
scarti del vostro stesso cuore
Ah, uomo bianco
se t'uccidessero
Se solo un santo grande giorno
ti uccidessero...

Tu conti.

Tu conti, sì, sei uno che conta
che capisce
hai certo dato tutto il sangue del tuo corpo
per arrivare dove sei
hai masticato crani e ossa
mostrato il pene come scimmia
di fronte ai simili tuoi più inermi
Ma sappi una cosa, amico mio
anche io conto
la grande massa di pugni che in silenzio
ti scarico a morte sulla faccia.


Fightstar - Amethyst







Io faccio schifo, e tu?

Io faccio schifo, e tu?

Visitatori